La storia della vera Croce

Rari sono i luoghi che racchiudono in pochi metri un simile e sublime valore artistico. La chiesa di San Francesco, nel cuore di Arezzo, è uno di questi. Qui si può vedere uno dei grandi capolavori della storia dell’arte rinascimentale: il ciclo di affreschi di Piero della FrancescaLa leggenda della Vera Croce. Sono dipinti sulle pareti del coro e narrano la storia della Croce su cui fu crocifisso Cristo, secondo la duecentesca Leggenda Aurea di Jacopo da Varagine. Ma attenzione, perché l’ordine cronologico della vicenda non corrisponde a quello di disposizione sulle pareti. Mentre in ogni singolo affresco sono spesso raffigurate diverse e successive fasi di quel che viene narrato.

La storia inizia comunque con la morte di Adamo, prima in punto di morte sorretto da un’anziana Eva, poi cadavere con il figlio Seth che gli mette in bocca il germoglio ricevuto dall’arcangelo Gabriele e da cui nascerà il legno per la Croce di Cristo. Nella scena successiva, la regina di Saba riconosce nella trave di un ponte il legno cresciuto dal germoglio di Adamo e lo adora, quindi incontra il re Salomone. Ma la bellezza e l’importanza dell’opera sta anche nei personaggi di contorno, come le dame al seguito della regina. La storia prosegue con Saba che profetizza al re la rovina del giudaismo a causa del legno e si vede Salomone che ordina di sotterrarlo. Dopo l’Annunciazione, si balza al 312 d.C.: è la notte che precede la battaglia di Ponte Milvio fra Costantino eMassenzio. Mentre il primo dorme, un angelo gli porta in sogno la rivelazione della Croce, e della vittoria, in caso di conversione: è così che Costantino mette in fuga l’esercito di Massenzio mostrandola. Si arriva poi alla raffigurazione di Elena, madre di Costantino e inviata a cercare la Croce, che fa calare in un pozzo un povero ebreo per recuperare le tre croci del Golgota: riconoscerà quella di Cristo perché capace di resuscitare un morto. Il racconto si conclude con la vittoria del re bizantino Eraclio sul persiano Cosroe, che aveva trafugato il sacro legno, e il suo trionfale ritorno a Gerusalemme con la Vera Croce.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...