escursione a stia

Escursione a Stia

Una semplice passeggiata immersi nella storia, nella natura,

 nell’arte, nella vita lavorativa a tre passi da Arezzo

Ritrovo nella a Stia in via Roma nella piazza dell’ufficio postale alle ore 09,30 partenza alle ore 10,00

l’escursione dura circa 6 ore

pranzo al sacco.

Difficoltà: facile adatta anche a bambini

Tappa 1

Visita al parco del Palagio Fiorentino

Il progenitore medievale del Palagio Fiorentino viene costruito nel 1230 dai conti Guidi, che vi fanno la loro residenza.

I Guidi di Palagio sono un ramo di una delle più potenti dinastie feudatarie aretine, che si afferma nel territorio di Stia a partire dal Duecento, per dominarvi per due secoli.

Dell’originale struttura, che ha patito la decadenza e l’estinzione della famiglia Guidi, non rimane molto in età moderna.

Tuttavia, sul finire dell’Ottocento, l’avvocato Carlo Beni ne acquista i ruderi ed il territorio circostante, con l’obiettivo di ripristinare l’antica architettura in tutta la sua maestosità.

I lavori sono affidati all’architetto Giuseppe Castelucci, con la consegna di disegnare il nuovo palazzo il più fedelmente possibile simile alla vecchia dimora dei feudatari medievali.

Il castello è venuto fuori come un’originale miscela di elementi tardo romantici e medievali.

La sua facciata, per esempio, risente notevolmente dell’influenza artistica ottocentesca, ma alcune parti della sua struttura, come la scala di collegamento dei piani, sono ripresi direttamente dall’architettura del castello di Poppi. Anche le decorazioni sono combinate.

Ne è l’emblema lo stemma dei Guidi, che campeggia sull’architrave e sui capitelli, sebbene questi siano sorretti da colonne che tradiscono con evidenza la loro fattura moderna.

Tappa 2

visita agli eco-musei deli sci

Eco-museo del Casentino – Museo dello Sci

Nata su iniziativa di un gruppo di sciatori, il museo è diviso in tre sezioni. Il primo, dedicato alle tradizioni della vita sulle montagne Casentinesi, ripercorre le tappe fondamentali attraverso le quali lo sci, già praticato per scopi utilitaristici, è diventato uno sport popolare verso la fine del 19 ° secolo.

La seconda si occupa invece dello sviluppo di sci dal 20esimo secolo fino ai nostri giorni.Insieme con pannelli didattici che illustrano l’evoluzione dei materiali e delle tecniche sciistiche legate a grandi nomi come Nansen, gentile e Zdarsky, il display comprende numerosi modelli di sci e Associazioni (dalle associazioni di vimini primi ea quelle elaborate da Huitfield, Bilgeri, Eleffsen, Greesvig , ecc).

L’ultima sezione, incentrata sulla storia dello sci come sport competitivo, registra le gesta dei più grandi campioni di sci a livello mondiale.

Tappa 3

Museo dell’Arte della lana – Lanificio di Stia

Il Lanificio di Stia, nato nei primi decenni dell’800, fu il primo insediamento industriale del Casentino e uno dei più importanti lanifici della Toscana.

Nel corso della sua storia lavorativa ha occupato migliaia di lavoratori. La sua attività produttiva entrò in crisi fin dal secondo dopoguerra.

E’ cessata definitivamente nel 2000. Il prodotto simbolo del Lanificio di Stia è stato il noto e pregiato Tessuto o Panno Casentino.

Nel luglio 2010 gli spazi del lanificio hanno ora ripreso vita grazie alla creazione del Museo dell’Arte della Lana.

Il ciclo della lavorazione della lana, così come si svolgeva all’interno del lanificio, è illustrato attraverso l’esposizione delle imponenti macchine tessili risalenti ai primi del Novecento.

Documenti cartacei e oggetti legati all’attività produttiva testimoniano sia la vita del lanificio che degli uomini che vi lavoravano.

Il Museo della Lana di Stia non si limita a raccontare la passata attività industriale, ma si spinge più indietro nel tempo, quando l’arte della lana era un’attività completamente manuale: sono esposti e illustrati gli strumenti artigianali tipici del processo di lavorazione pre-industriale, quell’insieme di operazioni che dalla tosatura, attraverso vari passaggi, giunge fino alla messa a punto del tessuto.

Complementari alle sale espositive sono i laboratori didattici del museo della lana: il visitatore viene coinvolto attivamente e può sperimentare alcune lavorazioni come la tessitura manuale, o imparare a riconoscere le diverse fibre tessili attraverso un “percorso tattile”.

Il Museo dell’Arte della Lana di Stia è uno spazio da rivivere non più come luogo di produzione, ma come centro di diffusione della cultura del tessile che appartiene a questo territorio casentinese.

Panno Casentino – Tessuto CasentinoIl Panno Casentino, o Tessuto Casentino, è un prodotto molto antico: ha origine nel ‘300.

Nell’Ottocento, con la nascita del Lanificio di Stia, oggi Museo dell’Arte della Lana, la sua produzione si “industrializzò”.

Inconfondibile per i suoi caratteristici riccioli, ottenuti con la “rattinatura”, è un tessuto di lana caldo e molto resistente. Il suo aspetto è volutamente grezzo, ma a dispetto di ciò è utilizzato da stilisti dell’alta moda per certi loro raffinati e lussuosi prodotti.

tappa 4

una splendida e suggestiva valle nei pressi del Podere Biforco

A pochi km dal centro di Stia  raggiungibile sia a piedi che in auto una suggestiva valle per un percorso didattico, escursionistico  di facile realizzazione con una cascata artificiale di epoca mussoliniana.

Per informazioni sul percorso e prenotazioni contattare

costo dell’escursione: ( minimo 6 adulti )

€ 10,00 a persona

€  7,00 bambini e ragazzi sotto i 14 anni

ingressi agli eco-musei a parte

pranzo al sacco

in caso di pioggia l’escursione sarà rimandata alla settimana successiva

Annunci

Una risposta a escursione a stia

  1. sfizioserie ha detto:

    bellissime foto e posti verro sicuramente alle tue escursioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...